“I soldi spesi in viaggio sono  i soldi miglior spesi”. E’ questa una frase fatta che abbiamo sentito tutti almeno una volta nella nostra vita.

Siamo infatti tutti d’accordo col dire che viaggiare è una delle più belle esperienze di vita che un uomo e una donna possano fare perché

chi viaggia al rientro è una persona ricca con le tasche solo un po’ più vuote.

Solo chi viaggia può fare certe esperienze e tra quelle possibili conoscere la cultura di un popolo assaporando i piatti tradizionali è una possibilità, perciò prossima fermata Thailandia per gustare il Pad Thai.

Cos’è il Pad Thai?

Il Pad Thai è un piatto tipico della cucina Thailandese.

Noodles di riso saltati al momento con gamberi, carne o tofu, insieme ad arachidi, spezie e gustosi condimenti come succo di tamarindo o salsa di pesce.

Ogni palato va accontentato, infatti la ricetta originale ha subito mutamenti nel corso degli anni.  Non a caso esistono più ricette , tra cui anche la versione Pad Thai vegetariana.

I thailandesi sono molto orgogliosi di questo piatto e lo usano come metro di giudizio per giudicare la qualità di un ristorante, ed è per questo che lo scelgono come primo piatto da assaggiare.

Thailandia Pad Thai

Cenni storici.

Nel 1983 un uomo chiamato Phibunsongkhram, dopo aver svolto un ruolo preminente nella lotta contro la monarchia, salì al potere con l’obiettivo ultimo di costruire una nuova nazione che oggi è la Thailandia.

Phibun era preoccupato perché l’antico Regno del Siam era caratterizzato da diverse identità regionali che era complicato tenere unite.

Era sua volontà costruire un’unica forte identità nazionale. Per far ciò incoraggiava gli abitanti del vecchio Siam ad essere produttivi, garbati e orgogliosi del loro Paese.

Il Pad Thai non esisteva prima di allora. Si mangiava riso con chili o altri ingredienti provenienti dalla vicina Cina.

Durante la II Guerra mondiale però le scorte di riso erano carenti e Phibun vide ciò come un’occasione per portare avanti il suo obiettivo e cioè creare un’unica forte identità nazionale sotto il suo potere.

Diede inizio così ad una propaganda dove si incoraggiavano i thailandesi a consumare Pad Thai per il loro pranzo invece che il riso.

 “Noodles per pranzo” era lo slogan della campagna.

Non tutti concordano sull’origine storica di questo piatto ma ciò che è certo è che venne utilizzato per proteggere le scorte di riso.

Fu così che Il Pad Thai prese piede e divenne piatto tradizionale della cucina Thailandese.

Dove gustare il Pad Thai

Qualsiasi ristorante in Thailandia proporrà tra i suoi piatti il Pad Thai e perciò assaggiarlo non sarà cosa ardua ma se volete essere sicuri che sia ottimo e vi trovate a Bangkok potete scegliere di gustare quello preparato nel ristorante Thipsamai.

E’ così buono che tutti lo vogliono e capita che ci sia un po’ di coda per ordinarlo, però il gusto ripaga l’attesa.

Se poi siete appassionati di cucina e vorreste provare a prepararlo con le vostre mani date un’occhiata alla ricetta tradizionale e buon appetito.