cosa fare sardegna

Consigli utili su cosa fare in Sardegna nelle tue prossime vacanze per vivere un’esperienza indimenticabile.

Organizzare un viaggio sembra facile, ma in realtà non è proprio così. Tutti noi prima di prenotare le nostre vacanze:

  1. Sentiamo il bisogno di interrompere la routine e dedicare del tempo a noi stessi e al nostro riposo fisico e mentale.
  2. Iniziamo a cercare un po’ di informazioni qua e là. Vediamo alcune belle foto sui social di alcuni luoghi da visitare e iniziamo a farci incuriosire.
  3. Abbiamo scelto la destinazione e cerchiamo informazioni dettagliate su cosa fare in loco. Prendiamo appunti su luoghi assolutamente da non perdere.
  4. Scegliamo l’offerta adatta per noi e l’acquistiamo.

La terza fase è per noi la più importante perché può rendere davvero unico ed indimenticabile il nostro viaggio. Ciascuno di noi viaggia per un motivo specifico e sarà soddisfatto da questa vacanza se le attività che svolgerà in viaggio rispecchiano i suoi interessi e passioni.

Proprio per questo motivo in questo articolo cercheremo di rispondere alla domanda cosa fare in Sardegna, raccontandovi un po’ tutte le possibili escursioni sportive, culturali, naturalistiche ed enogastronomiche che offre l’isola.

Sport e Natura

La Sardegna è la patria degli sportivi e grazie al suo clima mite può essere visitata durante tutto l’anno.

I mesi estivi, da Giugno ad Ottobre, sono ideali per gli sport acquatici giusto perché la temperatura dell’acqua del mare è più piacevole. Il resto dell’anno è ottimo per tutte le altre attività.

Kayak e Sup

Gli amanti della canoa non rimarranno delusi. Sono tantissime le escursioni in Kayak presenti sull’isola.

Si possono percorrere corsi d’acqua dolce ed esplorare la Natura Selvaggia, come accade lungo il Fiume Coghinas a Valledoria o sul Temo a Bosa. In alternativa se si preferisce l’acqua salata si può pagaiare tra le calette e insenature nascoste della baia di Balai a Porto Torres o vogare nelle acque cristalline del Golfo di Orosei.

Chi preferisce allenare tutto il fisico può scegliere il Sup. Questa pratica sportiva non è così complicata come sembra e anche i meno esperti dopo le indicazioni e consigli di una guida specializzata riescono facilmente nell’intento.

E’ possibile praticare lo Stand Up Paddle o Sup a Su Tinginosu nell’oristanese costeggiando l’omonima falesia. In alternativa è possibile divertirsi con il SUP nell’isola di San Pietro a Sud, nel Golfo di Orosei o nella costa cagliaritana, dove partirai per un tour lungo la scogliera del promotorio della Sella del Diavolo.

Un’attività nuova che unisce la pratica sportiva del Sup alla ricerca del benessere psico fisico è il Pilates col Sup che viene praticata nella baia di Balai a Porto Torres. Questa escursione unisce due discipline diverse tra loro e coniuga i benefici del Pilates con il potere tonificante e allo stesso tempo rilassante del mare.

Un’attività ideale per chi ricerca il benessere del proprio corpo e della propria mente.

Trekking Tiscali

Trekking e Canyoning

Cos’altro fare in Sardegna? Ovviamente Outdoor Trekking

Pensare di elencare tutti i percorsi di trekking della Sardegna è impresa ardua perché sono così numerosi da essere in competizione con il numero delle spiagge sarde.

Gli appassionati non rimarranno delusi e hanno l’imbarazzo della scelta.

Questa pratica sportiva può essere praticata tutto l’anno anche se i periodi ideali sono la primavera e l’autunno quando le temperature sono piacevoli ma non eccessivamente calde.

I mesi primaverili da Marzo a Maggio sono perfetti per coloro che oltre ad essere appassionati di trekking manifestano un certo interesse per la flora selvatica in quanto in Primavera la natura rinasce regalandoci profumi e colori indimenticabili.

Esistono percorsi più o meno impegnativi adatti ai principianti e agli escursionisti più esperti.

Alcuni cammini sono famosi e prevedono trekking di più giorni con sistemazione notturna in tenda come ad esempio il Selvaggio Blu a Baunei, frutto dell’unione di un’insieme di vecchi sentieri del Supramonte.

Questo percorso ormai famoso è considerato tra i più belli d’Europa ed è stato menzionato anche all’interno del popolare New York Times.

I percorsi da poter scegliere sono tantissimi, alcuni uniscono la pratica naturalistica all’interesse archeologico come ad esempio il trekking sul monte Tiscali, lungo il quale è possibile ammirare la bellezza della valle di Lanaitho e visitare una volta in cima il villaggio nuragico di Tiscali.

Molti itinerari ripercorrono gli antichi cammini del passato percorsi durante l’epoca della transumanza dai pastori o in seguito dai carbonai.

A seguire vi elenchiamo alcuni trekking da non perdere:

Trekking costieri:

  • Sentiero del faro nel Parco dell’Asinara
  • Percorso della Torre di Capocaccia ad Alghero
  • Tragitto da Costa Paradiso sino alla spiaggia di Tinnari
  • Sentiero Cala Moresca-Golfo Aranci
  • Trekking alla scoperta della piana di Todeitto nel Supramonte di Dorgali
  • Sentiero delle Tonnare da Porto Scuso a Gonnesa
  • Percorso da Cala Gonone a Cala Cartoe

Trekking nell’entroterra sardo:

  • Trekking Monti Ruju
  • Sentiero nella gola di Concaniedda a Sedini
  • Trek sulle tracce del cervo sardo nella foresta S’Acqua Calenti a Castiadas
  • Monte Corrasi da Oliena
  • Parco Monte Linas a Gonnosfanadiga
  • Sentiero Monte Pelao a Siligo
  • Trekking nel Goceano tra Anela e Burgos
  • Gorropu

Trekking notturni:

  • Racconti sotto la luna a Scano Montiferro
  • Trekking notturno Torre medievale e terme Casteldoria con osservazione astronomica
  • Alla scoperta della foresta dei Sette Fratelli a Castiadias

Trekking d’acqua dolce:

  • Sentiero tra cascate e fiume Rio Pitrisconi a San Teodoro
  • Trek alla scoperta del Marghine
  • Un tuffo nel cuore della Sardegna a Sa Stiddiosa nella Barbagia di Seulo

Trekking Unici:

  • Sentiero dell’Ossidiana Monte Arci
  • Supramonte di Orgosolo con pranzo dal Pastore
  • Trekking nella dimora della Jana di Gorropo tra i canti dei Tenores
  • Tra i tacchi d’Ogliastra a Osini e il paese fantasma di Gairo vecchia

I più adrenalici potranno invece provare un divertente Canyoning e tuffarsi nelle piscine d’acqua dolce o calarsi lungo le cascate a Rio Pitrisconi a San Teodoro o a Sa Spendula a Villacidro.

Immersioni Subacquee e snorkeling.

Chi viene in Sardegna non può non esplorare il mondo sottomarino. Gli appassionati di immersioni potranno ammirare le famose e uniche grotte sommerse e semisommerse della costa nord-occidentale dell’isola nell’area marina protetta di Capocaccia. Chi volesse far esplorare questo mondo sommerso ai propri figli la scuola i 7Mari  offre corsi di sub anche per bambini nel cuore del Parco dell’Asinara.

A Bosa ci si può immergere per esplorare la Grotta dei Pellicani , creatasi nelle fratture delle falesie di Capo Marraggiu.

Lo snorkeling può essere praticato un po’ ovunque, consigliamo la costa rocciosa di Castelsardo, il Parco Nazionale dell’Asinara dove i più fortunati potranno avvistare anche i delfini e la baia di Balai sempre a nord dell’isola.

A cavallo verso lago di Baratz

Bici e passeggiate a cavallo

Negli ultimi anni gli appassionati di ciclismo stanno sempre di più scegliendo la Sardegna per le loro vacanze. Arrivano da tutta Europa e l’attraversano in lungo e largo percorrendo strade asfaltate e sentieri sterrati.  C’è chi sceglie di esplorarla in autonomia o chi una volta in loco noleggia attrezzatura e guida professionale per scoprire percorsi noti solo ai ciclisti locali.

Alcuni, i più allenati, si avventurano per la Sardegna spostandosi solo in bici, altri studiano a tavolino con la guida locale i percorsi prevedendo soste per visitare cantine o siti archeologici.

Ci sono poi coloro che combinano l’interesse verso il territorio con il desiderio di esplorarlo in bici prenotando escursioni guidate giornaliere.

Ecco alcune idee di escursioni giornaliere in bicicletta:

  • Parco Nazionale dell’Asinara in E-bike
  • Tour E-bike nel Parco di Porto Conte ad Alghero
  • Escursione E-MTB alla cima del monte Tuttavista ad Orosei
  • In E-bike alla scoperta della costa orientale a Budoni
  • Esplora il sentiero dei pastori ad Orgosolo in E-bike

Chi ama invece avere in mano delle briglie e una sella più confortevole può scegliere una delle tante escursioni a cavallo. E’ possibile vivere questa esperienza in  montagna nel terrirorio Irgoli,  lungo la costa algherese a Porto Ferro o nel Monte Arci nel territorio di Oristano.

Surf , Kitesurfing e Windsurfing

La Sardegna è un’isola e il vento,che porta via nuvole e purifica aria, è l’alleato perfetto per chi ama cavalcare le onde. Il periodo ideale è da Ottobre a Maggio.

La costa nord-occidentale è ottima per praticare queste attività perché più esposta.

Un ottimo spot per iniziare a praticare il surf e la spiaggia di Porto Ferro. In loco la Bonga Surf School impartisce lezioni per tutti i livelli e per tutte le età.

I più esperti possono scegliere la Costa Verde ed in particolare Capo Mannu dove le onde possono raggiungere anche i 200 m di parete.

Se avete possibilità di soggiornare più di 7 giorni sull’isola consigliamo di noleggiare un camper ed esplorarla in totale libertà. Ci sono ottimi spot da scoprire in tutta l’isola, come Chia, Porto Pollo, Buggerru, Isola dei Gabbiani e molto altro ancora.

Tomba Giganti Sardegna

Archeologia e Storia

La Sardegna è una terra antichissima, una delle più antiche del Mediterraneo.

Il passato è visibile a occhio nudo.

Nel percorrerla il viaggiatore viene affascinato dalle costruzioni nuragiche sparse su tutta l’isola, dalle storie e leggende raccontate dai centenari che la abitano, dai reperti archeologici tesoro prezioso del passato.

La Sardegna è in parte inesplorata e ancora oggi continua a svelarci segreti della sua storia ancestrale.

Non esiste un periodo ideale per visitarla, l’archeologia e la storia possono essere approfonditi durante tutto l’anno. Date un’occhiata al  Viaggio nel tempo, ideale per organizzare un week-end culturale.

Tour e visite archeologiche consigliate:

  • Visita Altare prenuragico Monte D’accoddi e Domus de Janas di Su Crocifissuu Mannu a Porto Torres
  • Tour cittadino a Porto Torres tra le rovine romane di Turris Libissonis
  • Tour centro storico medievale di Castelsardo
  • Visita città catalana ad Alghero
  • Visita guidata Nuraghe Santu Antine
  • Tombe di giganti Coddu Veccju
  • Area archeologica di Tharros a Cabras

e tante altre ancora.

Laboratorio Fregula

Cucina tradizionale ed enogastronomia

Visitare un luogo senza assaggiare le sue specialità locali è come conoscerlo a metà.

La Sardegna vanta una antica tradizione culinaria, vi sono sapori del passato che sono stati trasmessi per via orale di madre in figlia e che continuano a regalarci un’esplosione di gusto da non perdere.

Piatti locali tipici da gustare:

Primi Piatti
  • Pasta e fagioli con le cozze
  • Fregula Sarda ai frutti di mare
  • Malloreddus alla Campidanese
  • Zuppa Gallurese
  • Linguine alla Bottarga di Muggine
  • Culurgiones
  • Sa lorighittas
Secondi Piatti
  • Su Porceddu
  • Melanzane alla sassarese
  • Lumache con patate
  • Cinghiale in tegame con olive
  • Aragosta alla catalana
  • Pecorino Sardo
  • Su Casu Marzu
  • Tartare di tonno rosso di Carloforte
Dolci
  • Seadas
  • Su Pistiddu
  • Tiricche
  • Formagelle
  • Amaretti
  • Is pastissus o Copulette
  • Mustaccioli

Altro:

  • Cuggoni
  • Pane carasau
  • Pane frattau
  • Sa Panada
  • Su Mustatzeddu

e molto altro ancora.

I viaggiatori che amano cimentarsi con la preparazione di alcuni piatti possono partecipare a dei laboratori dove potranno preparare la Panada , la Fregula o l’ormai nota Seadas.  Consigliamo tantissimo questo tipo di esperienza perchè oltre ad essere gustosa e anche molto divertente.

Un’esperienza altrettanto consigliata è il Trekking Enogastronomico, da noi proposto in Eat Love & Luxury Relax.  Passeggerete tra le vigne panoramiche alla scoperta dei segreti della coltivazioni della vite, vedrete le differenze tra i tipi di uve e dulcis in fundo vi inebrierete degustando gli ottimi vini sardi con un aperitivo in vigna.

Ora sapete cosa fare in Sardegna, non vi resta che prenotare.